1-31 gennaio 2020

Il dono dell’imperfezione

Mio padre Renzo era pittore. L’ho visto dipingere da quando sono nata; per diversi anni non ha avuto uno studio fuori di casa, così l’odore di colori ad olio, di trementina, degli acrilici è stato lo sfondo olfattivo della mia infanzia, come le sue pitture astratte l’orizzonte visivo. Era anche professore di Disegno Ornato al Liceo Artistico, quindi l’arte era esperienza quotidiana nella sua vita.

Io ho iniziato a dipingere solo dopo la sua morte, dandomi a quel punto una sorta di autorizzazione ad entrare in quello spazio della creazione artistica: uno spazio in cui lui non mi aveva mai ufficialmente invitato – non avendomi mai dato orientamenti o insegnamenti al riguardo –  e da cui mi ero tenuta un po’ sdegnosamente a distanza. E ho scoperto che più che dipingere mi interessa la composizione visiva, come nella professione di architetto, che ho praticato tutta la vita, quello che più mi interessava era la composizione spaziale.

Ed ora questa mostra: nata dall’idea di mettermi a confronto con lui (impari, direte), si è sviluppata man mano nel riconoscimento di una continuità per me sorprendente, data l’assoluta convinzione di non aver ricevuto dal Renzo pittore alcun insegnamento.

E invece: il suo fare pittura, con l’uso di materiali sempre più disparati (listelli, ramoscelli, latte metalliche, coperchi, schegge di legno…), il passare e ripassare segni sulla tela e poi su pannelli di legno, il tagliare e incollare, avvitare, inchiodare, legare con lo spago, e colorare e ricolorarci sopra, passando dall’olio alla matita all’acrilico all’acquerello all’inchiostro e alle chine, il suo generare mondi dichiaratamente non riconoscibili ad uno sguardo basato sull’ovvio… tutto questo è stata una rappresentazione a mia disposizione quasi quotidiana.

Sia come sia, in questi anni di pratica fotografica prima e pittorica poi, mi sono scoperta a comporre le mie opere in modi che derivano chiaramente da quella forma di insegnamento che è l’osservazione diretta, scevra di parole ma ricca di azione e di sentire.

Così mi ritrovo ad aver bisogno di muovere le mani declinando la femminile l’uso di materiali disparati, il legno, le lamine di alluminio, la carta, le stoffe e i pizzi; a passare attraverso colori che diventano autonomi rispetto alle forme; a creare quadri come oggetti integrali, tridimensionali; a lavorare con il senso del gioco.

Di tutto ciò, quello che più mi interessa, che ricerco in ogni opera, è il valore dell’imperfezione, che diventa per me una sorta di guida nell’esecuzione, come nella scelta dei materiali e in definitiva nell’estetica generale dei miei pezzi. Imperfezione come possibilità di uscire dal “dovere della perfezione” per me mortifera, come stato generativo di “altro”, che permette a chi guarda di procedere da sé oltre.

Imperfezione insita nei materiali trattati con le mani, a differenza di ciò che viene prodotto con la tecnologia, imperfezione connessa alla vita, all’umano.

E questa accoglienza, ma ancor più questa celebrazione dell’imperfezione, è un dono di mio padre Renzo Marinelli attraverso il suo fare pittura e di cui, attraverso questa mostra, lo ringrazio.

+ info

12-14 giugno 2019

Paola da Bianca

È un progetto non avere un progetto. C’è una ricerca dell’universale nell’individuale che emerge quando c’è uno svuotamento di contenuti quotidiani, di piccole occupazioni, allora nasce lo spazio per una dimensione altra che l’artista non vuole definire.

+ info

7 ottobre 2018

Arte in Cortile – Ritorni

Anche quest’anno ritorniamo nel Cortile di via Giuseppe la Farina. E’ un ritorno atteso da molti, perché ormai Arte in Cortile è diventata una tradizione consolidata, un appuntamento d’inizio autunno che ci porta a ritornare con i piedi, il cuore e la mente.

+ info

Che noia il finissage!

“Che noia!!! Adesso ci tocca anche il finissage… non bastava un vernissage? E poi… tutti questi termini in age… così per fare fico, per creare tendenza… “ Beh, potrebbe essere un qualsiasi ospite della mostra a fare tra se e sé queste osservazioni, pressato dalla marea di inviti, sicuramente interessantissimi, provenienti da amici più o meno creativi, o sommerso dall’onda anomala di un profilo facebook intasato di eventi a cui partecipare…

+ info

12-26 gennaio 2018

Esplorando l’inafferrabile

Un nastro d’argento si snoda nell’aria, riflette mille bagliori, colori diversi, tutte le storie che passano davanti, tutte quelle che sono passate e che hanno interagito con la materia di cui è fatto.

+ info

1 ottobre 2017

Quattro Artisti, Cinque Ritmi

Cosa avrà tirato fuori quest’anno la vulcanica mente di Paola Marinelli per il nostro appuntamento con l’Arte in Cortile?!

Beh, chi ormai conosce l’eclettica artista e il suo studio all’Alberone, sa che non sarà facile immaginarlo!
Negli anni gli appuntamenti di Arte In Cortile, con cui amiamo ritrovarci dopo le vacanze estive, hanno visto la partecipazione di diversi artisti e affrontato ogni volta tematiche stimolanti legate alla creatività e alla partecipazione attiva.

+ info

20 febbraio 2017

La Sapienza nelle mani

Tra fili e intrecci le opere di Paola Marinelli prendono forza dagli antichi gesti del nostro passato. Sono i gesti delle mani delle donne sopravvissuti generazione dopo generazione senza tradursi in testi scritti, ma passando di madre in figlia. Sono movimenti ripetitivi e ripetuti nel tempo, ai quali per secoli, nessuno ha dato importanza, ma che silenziosamente hanno tessuto la struttura del nostro essere quotidiano.

+ info

25 settembre 2016

DIVERSE – Un Evento di Arte in Cortile

Il Cortile di via Giuseppe La Farina 37 – Roma

+ info

17 aprile 2016

Inaspettati incontri tra calore e gelo

Inaugurazione domenica 17 aprile alle 18.30 presso Gelateria Spash – via Eurialo 102

+ info

27 febbraio 2016

TRACCE DI PAESAGGI INTERIORI
Arte come disciplina spirituale

Inaugurazione sabato 27 febbraio alle 18.30 presso l’Aula della Cultura Sarasvati – Città della Pieve PG

+ info

18 dicembre 2015

Aperitivo allo studio

Via Giuseppe La Farina 37, Roma
dalle ore 18.00 alle…

+ info

3 dicembre 2015 – 1 febbraio 2016

La danza della materia

Ristorante Gaia Bio, Roma
L.go Guido Cencetti 13/14 – Roma
Inaugurazione 3 dicembre ore 18.30

+ info

eventi passati
  • 23 dicembre 2014Arte in Corte, Verona
  • 26 giugno 2014, Arte in Cortile, Roma
  • 13 – 20 marzo 2014, St. Stephens Cultural Center, Roma – Women in the Arts, 4th Edition
  • 25 maggio 2013Arte in Cortile, Roma
  • 2 dicembre 2012Studio Aperto, Roma
  • 5 ottobre – 2 novembre 2012, Artrom Gallery, Roma – Keeping in Touch II
  • 7 ottobre – 10 dicembre 2011, Artrom Gallery, Roma – Keeping in Touch
  • 17 settembre 2011Arte in Cortile, Roma
  • 16 Giugno 2011, Associazione Artipelago, Castelnuovo di Porto (RM) – Voglia di vedere altro
  • 8 Dicembre 2010 – 12 Febbraio 2011, Artrom Gallery, Roma – Tutte le strade
  • 13 luglio 2010, Casa Internazionale delle Donne, Roma – Lei
  • 22 giugno 2010, Capoverso –  libreria Gheduzzi, Verona – Il senso della meraviglia
  • 13 dicembre 2009, White Cloud Studio, Roma – Il visibile oltre il visibile
  • 8 novembre 2009, Sala CantieriScalzi, Roma